venerdì 8 settembre 2017

Educare al rispetto di se stessi


Pixabay

La mia esperienza decennale nel campo dell'animazione e del teatro mi ha portato all'osservazione del comportamento umano con una particolare attenzione al mondo dei bambini. Avere a che fare con il mondo infantile è una risorsa continua e occorre mettersi in gioco in modo che l'educazione sia al rispetto del prossimo e all'arricchimento della persona. I bambini vanno accompagnati nel cammino della vita anteponendo sempre i valori primari Amore, Rispetto, Fiducia, Approvazione affinché diventino degli uomini sereni, felici e fiduciosi nelle proprie capacità.
Share:

giovedì 7 settembre 2017

Aforisma dell'asino di Giovanni Maria Vianney

Giovanni Maria Vianney in un anedotto tratto dal libro "La perfetta Letizia" Edizione Gribaudi di Giusy Bedetti - 1991.

Share:

venerdì 25 agosto 2017

Gli scatti inediti di Fabio Barettin da Maverick Clown per il Bello del Teatro

Nasce una nuova collaborazione sul blog Maverick Clown, per la rubrica "Il bello del Teatro" ospiteremo un fotografo di scena, Fabio Barettin e i suoi scatti estemporanei ricchi di fascino in uno dei teatri più importanti del panorama italiano, ovvero la Fenice di Venezia.
Intanto un ringraziamento all'amico di sempre, uomo sensibile all'arte e alla bellezza del dettaglio, la suggestione del palcoscenico. Avrete modo di conoscerlo in questa veste di fotografo e nei suoi scatti scenici, che ci consentiranno di unire citazioni, frasi e pensieri sul mondo del teatro e la bellezza delle immagini.

Iniziamo questa nuova avventura proponendovi una citazione di Seneca su una foto di Fabio da La Favorita, vi lasciamo quindi ad assaporare il frutto di creatività diverse per il raggiungimento di un lavoro inedito e originale.

Alla prossima,
Mary :D

Fabio Barettin - Scatto Inedito da La Favorita - Teatro La Fenice Venezia

Share:

martedì 27 giugno 2017

Citazioni Teatro Pier Paolo Pasolini

"Nel teatro la parola è doppiamente glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello."

Pier Paolo Pasolini


Cari amici,
oggi un interlocutore di prim'ordine Pier Paolo Pasolini e il suo concetto di Teatro Nuovo in cui ci rammentava nel Manifesto per un nuovo teatro "Nuovi argomenti", gennaio marzo 1968 - che:

"le idee, sono i reali personaggi di questo teatro"


E differenziava tra il "Teatro della  Chiacchiera, del Gesto o dell'Urlo e il Teatro della parola, ovvero nel primo la chiacchiera, appunto, sostituisce la Parola (per es . , anziché dire, senza humour , senza senso del ridicolo e senza buona educazione, "Vorrei morire", si dice amaramente "Buona sera"); il teatro del Gesto o dell'Urlo, è il teatro dove la parola è completamente dissacrata, anzi distrutta, in favore della presenza fisica pura." 

Il teatro della Parola è un rito culturale, come dice Pasolini stesso:
l teatro è comunque, in ogni caso, in ogni tempo e in ogni luogo, un RITO! Un rito culturale in cui l'attore è o portatore di un messaggio (il Teatro!) che trascende il testo: ma è il veicolo vivente del testo stesso.

Alla prossima! 

Share:

sabato 24 giugno 2017

Il Teatro è poesia

Il teatro è poesia che esce da un libro per farsi umana.
Federico Garcia Lorca.



Share:

Filastrocca esercizio per timbro vocale di Vittorio Gassman

FILASTROCCA

Punto primo il VOLUME
nelle sue varietà
si parla ad ALTA voce
e se parli a un tal che passa
il volume Cambierà
Tu puoi parlare agli altri
o puoi parlare per te
parlare ad un GRANDE pubblico
parlare a DUE o a TRE
Puo' sembrar molto facile
ma facile non è
I U O A E

Punto secondo  IL TIMBRO
nelle sue modalità
si parla RAUCHI o LIMPIDI
di GOLA oppur SI VA
cercando anche nel NASO
altre sonorità
un SOFFIO appena udibile
un URLO un CRA CRA CRA
di petto dalle viscere
di TESTA e ancor ce n'è
certo che sembra facile
ma facile non è
I U O A E

Questa filastrocca canzoncina inventata da Vittorio Gassman viene usata in molti laboratori teatrali per insegnare l'uso della voce nelle sue sfumature.
Puoi recitarla semplicemente, cantarla, spezzarla e inventarti un modo tuo per personalizzarla. Ripeti più volte l'esercizio per prendere dimestichezza con la tua voce.
Soprattutto perché questo esercizio sia funzionale, registrati e riascoltati dopo numerose prove. Cerca di dare una vera intonazione a ciò che dici. Lascia passare qualche giorno e riprova.
Annota i tuoi progressi e le tue difficoltà sulle quali dovrai lavorare con spirito creativo.
Tieni aggiornato il tuo quaderno degli esercizi.

Ti propongo quindi una iniziativa per te: puoi cimentarti a creare un video o audio con la tua esercitazione, invialo alla nostra mail e vediamo che succede!!!
Ti aspetto...!





Share:

mercoledì 22 marzo 2017

Quel meraviglioso posto che si chiama teatro

IMAGE CREDIT: Brooke Binkowski - Northern Lights Chickaloon, Alaska 
https://www.flickr.com/photos/brookebinkowski/14201938079/
https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/
“The stage is a magic circle where only the most real things happen, a neutral territory outside the jurisdiction of Fate where stars may be crossed with impunity. A truer and more real place does not exist in all the universe.”
P.S. Baber, Cassie Draws the Universe

Il palcoscenico è come un cerchio magicoL'archetipo del cerchio magico è collegato al rituale con cui si tracciava un cerchio per creare una sorta di protezione dalle interferenze esterne e creare uno spazio dove attingere alla armonia di se stessi, alla propria meravigliosa perfezione e nel cercare di essere se stessi, sgominando paure e incertezze.
Anche il teatro crea uno spazio magico in cui ognuno di noi puo' riuscire ad esprimersi con il corpo e con la parola, affrontando la vita con una sicurezza diversa.

Un territorio neutrale al di fuori della giurisdizione del Fato

Sul palcoscenico posso esprimere liberamente tutti quelli che sono i miei pensieri, paure e incertezze, ma anche le mie sicurezze senza il limite di essere giudicato da me stesso e dagli altri.
Riesco ad essere e comportarmi in un modo che magari nella vita reale non riuscire. E' esattamente un territorio neutrale dove non ci sono le regole e i condizionamenti della vita normale.

Dove le stelle possono essere scavalcate impunemente
Nel teatro posso volare, nella vita reale no.

Un posto più vero e più reale non esiste in tutto l'Universo. 


Cassie Draw the Universe  di PS. BABER

Share:

Preleva il codice del banner



Blog Amico

Powered by Blogger.